Gen
29
mer
La notte di Lace @ Lace di Donato
Gen 29@20:00

Commemorazione della cattura del Comando della 76a Brigata e della VIIa Divisione Garibaldi.
Con letture, fiaccolata, canti del Coro Bajolese.

Al termine, cena.

Gen
30
gio
progetto fotografico “Architetture Residenziali e Industriali Olivetti (oggi) @ Salone Ecomuseo
Gen 30@21:00

Serata a ingresso libero

Presentazione del progetto fotografico “Architetture Residenziali e Industriali Olivetti (oggi)” ARIOo.
Sei appassionato di fotografia, sei curioso, ti piacciono attività stimolanti e creative?
Scoprirai durante la serata di cosa si tratta.

Feb
6
gio
L’arte fotografica del paesaggio @ Ecomuseo
Feb 6@21:00

Serata a ingresso libero

“l’arte fotografica del paesaggio”, incontro con il fotografo paesaggista Paolo Avanzi.
I lavori, il metodo, l’estetica, la tecnica.
I paesaggi appartengono alle persone che li guardano

Feb
8
sab
Marco Malvaldi e La Fenice @ Zac!
Feb 8@21:00

Marco Malvaldi presenta “Vento in scatola” (Sellerio) dialogando con un detenuto della Casa Circondariale di Ivrea, redattore della Fenice
Organizzato dalla redazione della Fenice e da Mondadori Bookstore

MARCO MALVALDI – autore della Serie del BarLume – è uno dei più noti autori di gialli (ma non solo) in Italia e all’estero. Per l’occasione ad Ivrea presenterà “VENTO IN SCATOLA”, il nuovo romanzo da poco uscito per Sellerio e scritto insieme a Glay Ghammouri, dialogando con un DETENUTO presso la Casa Circondariale di Ivrea. L’incontro, frutto della collaborazione tra il periodico Varieventuali, il giornale del carcere La Fenice, la Libreria Mondadori di Ivrea e lo Zac, intende essere il primo di una serie di appuntamenti dedicati ad approfondire il rapporto tra carcere e pena.

«Ho conosciuto Glay Ghammouri durante il corso di scrittura creativa tenuto nella Casa Circondariale Don Bosco di Pisa nel 2012-2013. In seguito, Ghammouri mi ha detto di aver pensato a una storia, una specie di romanzo di formazione ambientato in carcere, e me l’ha raccontata. Mi è sembrato un ottimo spunto e abbiamo cominciato a lavorarci».
Nasce così questo romanzo a quattro mani con cui Marco Malvaldi senza abbandonare l’ironia, il gusto del paradosso, l’esuberante inventiva, ha voluto regalarci, insieme a Glay Ghammouri, l’opportunità di guardare al carcere dall’altro lato delle sbarre.

MARCO MALVALDI (Pisa, 1974), di professione chimico, ha pubblicato la serie dei vecchietti del BarLume (La briscola in cinque, 2007; Il gioco delle tre carte, 2008; Il re dei giochi, 2010; La carta più alta, 2012; Il telefono senza fili, 2014; La battaglia navale, 2016, Sei casi al BarLume 2016, A bocce ferme, 2018), salutati da un grande successo di lettori. Ha pubblicato anche Odore di chiuso (2011, Premio Castiglioncello e Isola d’Elba-Raffaello Brignetti), giallo a sfondo storico, con il personaggio di Pellegrino Artusi, Milioni di milioni (2012), Argento vivo (2013), Buchi nella sabbia (2015), Negli occhi di chi guarda (2017) e, con Glay Ghammouri Vento in scatola (2019).

GLAY GAMMOURI (Gafsa, 1976), ex militare dell’esercito tunisino, è attualmente detenuto nelle carceri italiane.